Giorgio de Chirico, Autoritratto

GIORGIO DE CHIRICO, AUTORITRATTO, 1929-1930
Giorgio de Chirico, 1929-1930

Un modo per entrare nella mente di Giorgio de Chirico può essere quello di osservare la serie cronologica degli autoritratti, in cui l’artista ha catturato se stesso in vari abiti e in diversi anni di vita. Probabilmente, de Chirico ha cercato di seguire l’esempio di Rembrandt, che ha creato la sua “cronaca negli autoritratti”. I suoi esperimenti nel provare varie maschere su sé stessi – il ladro-zingaro, l’artista al cavalletto o, infine, il nobile in costume del XVII secolo) parlano anche a favore di questa ipotesi. Lo specchio diviene l’unico modo, ironico e terribilmente finito, per osservare il proprio travestimento.  Nei suoi cento autoritratti non c’è mai una posa generica ma è sempre atteggiato come qualcuno (come “nato sotto Saturno”, come Raffaello, come gentiluomo rinascimentale). Proprio nell’autoritratto si esalta il valore della Metafisica.

 

In questo autoritratto del 1929-1930, Giorgio de Chirico ha quaranta tre anni. Nell’autunno precedente conobbe Isabella Pakszwer (poi Isabella Far) che diventerà la sua seconda moglie, restandogli vicino fino alla sua morte.

Qui De Chirico risponde finalmente alla domanda posta nel suo primo autoritratto: “E cosa amerò se non ciò che è enigma?”. Non esiste niente di più fisico di questi occhi, di questi nobili e magnanimi abiti. Questo volto, queste rughe, questi calchi sono l’incontro in cui tutti i volti differenti che si succedono in un uomo trovano il loro unicum.  Identificandosi come tutti, Giorgio de Chirico risponde, in questo autoritratto, che l’eccezionalità è identificarsi con sé stessi.  Perché ogni manichino resterà, ma il nostro volto rimane riconoscibile alla nostra operazione di immaginario.

Giorgio de Chirico, Autoritratto, 1929-1930

GIORGIO DE CHIRICO

(Volos, 1888 - Roma, 1978)

Autoritratto, 1929-1930

Olio su tela applicata su cartone, 41 x 33 cm

Newsletter

Rimani connesso con noi. Iscriviti alla newsletter.

Bottegantica ti terrà informato su nuove opere, eventi, pubblicazioni.