Giuseppe De Nittis, La Grénouillère

Giuseppe De Nittis, La Grénouillère, 1873 Olio su tavola
Giuseppe De Nittis, La Grénouillère

Rientrato a Parigi nel 1873, Giuseppe De Nittis abbandona la pittura di costume e inizia a dipingere noti angoli della capitale e dei suoi dintorni.

Nasce così una serie di quadri di piccole dimensioni, di una incredibile finezza di dettagli, che piacciono molto al mercante Adolphe Goupil, il quale ritrova applicato alla pittura d’esterni quello stile alla moda, da lui patrocinato. Protagoniste di queste opere sono dame vestite con abiti del tempo, moderne interpreti di una femminilità charmante, ritratte all’aperto, in paesaggi rigogliosi: visioni rapide di un mondo variopinto che hanno da subito un grande successo commerciale in quanto la ricca borghesia si rispecchia in esse.

Uno dei principali esempi di questa produzione è La Grenouillère ambientata nell’omonima località di svago alle porte di Parigi, dove alcune dame eleganti si apprestano a salire su una piccola barca a remi che le condurrà a trascorrere un sereno tour lungo il corso della Senna. A fare loro da sfondo è la campagna francese bagnata dal sole caldo del primo pomeriggio e punteggiata da fiori dai mille colori. Gli elementi che la costituiscono - acqua, aria, la luce che filtra tra gli alberi - sono impalpabili: a loro il compito di ricreare il fascino dell’ambiente.

De Nittis descrive ogni particolare avvalendosi di una tecnica pittorica che anticipa quella più propriamente “impressionista” che inizierà ad adottare l’anno successivo.

Giuseppe De Nittis
(Barletta 1846 - St. Germain en Laye 1884)

La Grénouillère, 1873-1874
Olio su tavola, 35 x 28 cm
Firmato in basso a sinistra: De Nittis

Provenienza:
Adolphe Goupil, Parigi (1873-1879; Reg. Goupil n. 8541); collezione Albertì, Parigi; collezione Lodigiani, Milano; Arturo Toscanini, Milano; Eredi Toscanini, Milano; Piero Dini, Montecatini Terme; collezione privata, Napoli